Holter elettrocardiografico

ECG DINAMICO SECONDO HOLTER

CHE COS’È?

L’Holter elettrocardiografico o ecg dinamico secondo Holter è una tecnica di registrazione continua dell’elettrocardiogramma nell’arco di 24 ore. Lo scopo di questo esame è quello di individuare e comprendere più precisamente i disturbi del ritmo cardiaco, che possono essere all’origine di sincopi, malori o palpitazioni.
L’esame consente anche di verificare l’efficacia di una terapia (detta terapia anti-ritmica) ed, eventualmente, di modificarla.

COME SI SVOLGE L’ESAME?

L’esame dura 24 ore. Non richiede ricovero ospedaliero né l’immobilità, una dieta particolare o una qualche manipolazione da parte del paziente. Viene infatti realizzato in ambulatorio, nelle condizioni della vita quotidiana.
Il primo giorno, l’apparecchio di registrazione viene applicato e collegato a elettrodi, spalmati con una sostanza conduttrice e semplicemente incollati sul torace.
Questo apparecchio portatile, alimentato tramite pile o a batteria, contiene un piccolo dispositivo per la registrazione simile a quello utilizzato per registrare la musica.
Il paziente porta l’apparecchio in un borsello, a tracolla o fissato alla cintura, per 24 ore consecutive; è quindi prevista una registrazione notturna.
Il giorno successivo, l’apparecchio viene rimosso e i dati vengono letti attraverso un apposito computer.

CONTROINDICAZIONI E PRECAUZIONI

L’Holter elettrocardiografico non presenta alcuna controindicazione.
L’apparecchio è robusto, ma non è a tenuta stagna; il contatto con l’acqua (doccia o bagno) è quindi vietato per l’intera durata della registrazione (24 ore).
Il paziente conduce una vita normale, non deve limitare le proprie attività e assume i farmaci che gli sono stati prescritti (salvo parere contrario del cardiologo).
È preferibile indossare abiti provvisti di bottoni per lasciare passare i fili dell’apparecchio.
In caso di distacco di un elettrodo, è preferibile applicarlo nuovamente, ma questo non è obbligatorio, in quanto l’apparecchio consente di registrare su aree in parallelo, offrendo un certo margine di sicurezza.
L’apparecchio pesa circa 500 grammi e ha le dimensioni di una piccola borsetta, è totalmente silenzioso e non sono da temere interferenze con i dispositivi elettrici od elettronici di uso corrente: forni a microonde, telefono cellulare, computer, elettrodomestici vari.
Il paziente deve tenere un diario sul quale annoterà tutte le attività svolte e i sintomi cardiaci avuti nell’arco delle 24 ore, i quali saranno correlati ai dati elettrocardiografici.

PER SAPERNE DI PIÙ

I progressi tecnici che hanno consentito l’attuale sviluppo dell’Holter sono stati realizzati su due fronti:

  • da un lato, la miniaturizzazione degli apparecchi di registrazione, che sono ormai portatili;

  • dall’altro, l’avvento dell’informatica, con lo sviluppo di software sempre più potenti, i quali permettono il riconoscimento e l’analisi automatica dei segnali ECG.

Il tracciato elettrocardiografico viene registrato su una banda magnetica a bassa velocità di scorrimento.
La decodifica dei segnali digitalizzati avviene con l’ausilio di un apposito apparecchio di lettura. L’interpretazione viene preferibilmente affidata ad un cardiologo specializzato nello studio dei disturbi del ritmo cardiaco (detto anche aritmologo).