Cerca nel sito
Chiudi

Come lavarsi le mani correttamente

È proprio tramite le mani che entriamo in contatto con il mondo esterno, virus e batteri compresi. Ecco come lavarle correttamente per diminuire il rischio di contagio

Perché è importante lavarsi spesso le mani?

È tramite le mani che entriamo in contatto con il mondo esterno, toccando tutto quello che ci circonda: le superfici, gli oggetti, i soldi, le altre persone e, ovviamente, anche i virus e batteri che si trovano su di essi. 

Detergere correttamente le mani è quindi il primo passo per ridurre al minimo il rischio di contagio. Infatti, la possibilità che virus e batteri arrivino direttamente nel nostro naso o nella nostra bocca è molto bassa; molto più spesso siamo noi stessi a portarceli dentro il nostro organismo, proprio tramite le nostre mani (si stima che in media ci tocchiamo la faccia 52 volte al giorno). 

Come lavare correttamente le mani? 

Per far sì che il lavaggio delle mani sia efficace, serve tempo. Le linee guida dicono almeno 40 secondi. L’acqua da sola non è sufficiente, serve anche abbondante sapone. Se non si hanno detergenti antibatterici specifici, anche il classico sapone di Marsiglia funziona bene. Fondamentale è passare bene il sapone anche sotto le unghie, tra le pieghe della pelle, tra le dita e sugli avambracci. Infine, asciugare bene le mani, da preferire la salviettina monouso al getto di aria calda.

Ogni quanto lavarsi le mani?

Le mani andrebbero lavate tassativamente: 

  • dopo essere stati in luoghi pubblici
  • dopo aver tossito o starnutito
  • prima e dopo aver toccato il cibo
  • prima e dopo essere andati in bagno 
  • prima e dopo aver cambiato un pannolino 

Oltre le mani è molto utile però lavare spesso la faccia, perché le goccioline possono depositarsi anche sulla pelle del viso.

Gel disinfettanti per le mani: funzionano? 

I gel igienizzanti per le mani sono perfetti per disinfettare la pelle delle mani in qualsiasi momento della giornata, soprattutto fuori casa quando non abbiamo a disposizione acqua e sapone. Si tratta comunque di una soluzione secondaria, perché utilizzare troppo spesso i disinfettanti a base d’alcool rischierebbe di irritare la pelle. 

Nonostante girino sul web diverse ricette per riprodurre il gel disinfettante anche a casa è sconsigliabile affidarsi al fai da te: il rischio è che le persone usino alcol, candeggina o altre sostanze in dosi eccessive, danneggiando la salute. 

Cosa dice il Ministero della Salute?

Il Ministero della Salute ha pubblicato una piccola guida per imparare a lavarsi le mani nel modo corretto: 

Come lavarsi le mani con acqua e sapone

Durata dell’intera procedura: 40-60 secondi

  • Bagna le mani con acqua
  • Applica una quantità di sapone sufficiente per coprire tutta la superficie delle mani
  • Friziona le mani palmo contro palmo
  • Il palmo destro sopra il polso sinistro intrecciando le dita tra loro, e viceversa
  • Palmo contro palmo incrociando le dita tra loro
  • Dorso delle dita contro il palmo della mano, tenendo le dita strette tra loro 
  • Frizione rotazionale del pollice sinistro stretto nel palmo destro e viceversa
  • Frizione rotazionale avanti e indietro con le dita della mano destra strette tra loro nel palmo della mano sinistra, e viceversa
  • Risciacqua le mani con acqua
  • Asciuga accuratamente con una salvietta monouso
  • Usa la salvietta per chiudere il rubinetto

Come frizionare le mani con la soluzione alcolica

Durata dell’intera procedura: 20-30 secondi

  • Versare nel palmo della mano una quantità di soluzione sufficiente per coprire tutta la superficie delle mani
  • Frizionare le mani palmo contro palmo
  • Il palmo destro sopra il dorso sinistro intrecciando le dita tra loro e viceversa
  • Palmo contro palmo intrecciando le dita tra loro
  • Dorso delle dita contro il palmo opposto tenendo le dita strette tra loro
  • Frizione rotazionale del pollice sinistro stretto nel palmo destro e viceversa
  • Frizione rotazionale avanti e indietro con le dita della mano destra strette tra loro nel palmo della mano sinistra, e
  • viceversa
Leggi il pieghevole del Ministero della Salute

Cosa fare in caso di starnuti o colpi di tosse?

Le precauzioni viste fino a ore sono indispensabili per non entrare in contatto con germi e batteri, ma allo stesso modo è importante mettere in atto delle basilari norme igieniche per evitare di essere noi stessi a farli circolare - tramite starnuti o colpi di tosse - che possono fare ammalare le altre persone. Ecco le 4 regole base: 

  • Copriti il naso e la bocca con un fazzoletto ogni volta che tossisci o starnutisci, e butta il fazzoletto nel cestino
  • Se non hai un fazzoletto copriti la bocca e il naso con il braccio e non con le mani
  • Dopo aver tossito o starnutito lavati sempre le mani
  • Solo se sei malato, utilizza una mascherina per proteggere gli altri 
Leggi il nostro galateo della tosse

Galateo della tosse