Malattie gengivali

Malattie gengivali

Le gengive possono essere affette da due tipi di disturbi: la semplice gengivite (infiammazione della parte della gengiva che circonda il dente), e la malattia parodontale, comunemente nota come piorrea, un’infezione batterica che attacca i tessuti  di sostegno del dente e che, nelle forme più gravi, può portare alla perdita del dente se non si interviene tempestivamente.

I SINTOMI
Il primo segno della gengivite è il sanguinamento delle gengive, elemento che contraddistingue anche la malattia parodontale. Quest'ultima ha però spesso un’evoluzione indolore, e quindi potrebbe essere trascurata, rivelandosi solo quando è troppo tardi. Per questo è importante eseguire regolari controlli dal dentista, che potrà diagnosticarla e curarla in tempo.

COSA FA IL DENTISTA: LA DIAGNOSI
Durante la visita il parodontologo può effettuare due esami per diagnosticare la parodontite e misurarne la gravità: il sondaggio parodontale e lo status radiografico.

Il sondaggio parodontale si esegue con una sonda graduata che viene delicatamente mossa lungo il bordo gengivale per individuare la tasca che si è eventualmente formata tra la gengiva e il dente e per misurarne la profondità. Dopo il sondaggio il medico può stabilire la necessità di ulteriori approfondimenti per una valutazione accurata dello stato del parodonto, necessaria per stabilire la terapia più idonea a debellare la malattia.

Lo status radiografico è uno strumento diagnostico che permette di evidenziare problemi che non sono visibili all'esame clinico, fornendo importanti informazioni non solo sull'altezza e la quantità di osso residuo, ma anche sulla sua morfologia. Si  ottiene tramite l'esecuzione di radiografie endorali settoriali.

LE CURE
La gengivite semplice si cura con una buona igiene orale domiciliare e professionale che rimuove la placca batterica e il tartaro (placca batterica calcificata), responsabili dell’infiammazione. È buona norma associare sciacqui con medicamenti (per esempio con la clorexidina) per limitare la repentina proliferazione della placca batterica appena rimossa.

La malattia parodontale è una malattia cronica, dovuta essenzialmente alla placca batterica, ma sostenuta da varie concause come la predisposizione ereditaria, il fumo, lo stress, la gravidanza, l’uso di alcuni farmaci, il bruxismo, il diabete e altre malattie. Quando la malattia è già in atto, la cura consiste nella rimozione dei germi con un’igiene  orale approfondita, talvolta anche sulla parte profonda della radice dei denti (levigatura delle radici).

COME PREVENIRE LE MALATTIE GENGIVALI
La prevenzione è fondamentale: una corretta igiene orale a casa, i controlli periodici, l’adozione di stili di vita sani che aiutano a rinforzare il sistema immunitario possono rivelarsi nel tempo i migliori alleati per rallentare e contrastare questa malattia.

Per prenotare chiama il numero
02 89 701 701
o compila questo modulo