Visita pediatrica per malattie respiratorie

QUANDO È UTILE SOTTOPORRE IL BAMBINO ALLA VISITA PER MALATTIE RESPIRATORIE?

Le malattie respiratorie rappresentano la più frequente causa di accesso all’ambulatorio del pediatra nei nostri climi. Si tratta per lo più di affezioni acute, che non presentano particolari problemi di diagnosi né di terapia.
Talvolta, però, queste situazioni sono particolarmente fastidiose per il bambino e per la sua famiglia, come la tosse notturna.
Altre volte le infezioni respiratorie sono particolarmente frequenti e impediscono al bambino di frequentare regolarmente la scuola.
In alcuni casi, poi, il ripetersi d'infezioni, soprattutto delle alte vie aeree, determina delle modificazioni anatomiche che impediscono al bambino di respirare correttamente dal naso.
Il piccolo russa o respira prevalentemente dalla bocca, così riposa male e fatica ad alzarsi al mattino oppure, al contrario, non riesce a stare fermo e a concentrarsi o reagisce in modo esagerato agli stimoli.
L’accumulo di secrezione nelle alte vie respiratorie è anche causa di alterazioni dell’udito, dunque possibili problemi di apprendimento, e dell’olfatto, quindi scarso appetito.
Per questo è importante capire quali possono essere le cause di otiti, bronchitipolmoniti ricorrenti e capire se comportamenti anomali o problemi scolastici del bambino sono causati da un disturbo respiratorio nel sonno.

UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

Per dare una risposta a questi quesiti proponiamo una visita pediatrica per malattie respiratorie, con la dott.ssa Lavelli, pediatra esperta in allergologia e pneumologia, che potrà avvalersi della collaborazione del dott. Arnone, otorinolaringoiatra, e della dott.ssa Bazziniodontoiatra e ortodontista.