CHE COSA SONO LE MST?

Le malattie sessualmente trasmissibili (MST) costituiscono uno dei più seri problemi di salute pubblica in tutto il mondo, sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, e interessano soprattutto gli adolescenti. Le malattie sessualmente trasmissibili, come dice il nome, vengono trasmesse durante l’atto e il contatto sessuale. Si chiamano AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita), sifilide, clamidia, gonorrea.

Le precauzioni che seguono sono valide per tutte le MST.

CHE COS'È L'AIDS?

L’AIDS  è una malattia provocata dal virus HIV.
Chi è entrato in contatto con questo virus può diventare sieropositivo; chi è sieropositivo può trasmette  il virus ad altre persone e se non si sottopone alle terapie sviluppa lo stato conclamato di AIDS e va incontro a morte a causa di infezioni opportunistiche o di tumori.

COME SI TRASMETTE IL VIRUS?

Con tutti i tipi di rapporti sessuali non protetti (orale, anale, vaginale: un solo contatto sessuale può provocare il contagio) e con utilizzo di giocattoli sessuali contaminati.
Con scambio di siringhe, rasoi, spazzolini o altri oggetti che possano venire a contatto con il sangue.

QUALI SONO I SINTOMI E COME SI CAPISCE DI ESSERE DIVENTATI SIEROPOSITIVI?        

Non sempre si manifestano sintomi in seguito all’infezione da HIV.
A volte si possono manifestare  sintomi molto generici come febbre, ingrossamento dei linfonodi, prurito ed eritema sulla pelle. Per identificare la sieropositività bisogna quindi fare un prelievo di sangue per identificare gli anticorpi specifici.
 

QUANDO BISOGNA FARE IL TEST HIV?

Se hai avuto un rapporto sessuale non protetto o se hai il dubbio di aver contratto il virus HIV, rivolgiti al tuo medico o recati presso l’Unità Operativa Malattie Sessualmente Trasmesse (UOMST) a te più vicina per effettuare il Test. Se risulti positivo, avvisa tutte le persone con cui hai avuto rapporti sessuali nell’ultimo anno e consiglia loro di fare il test.


QUAL È IL MOMENTO GIUSTO PER FARE IL TEST?

Se temi di essere stato contagiato puoi effettuare subito il test per verificare la tua situazione del momento, ma poiché questi esami possono risultare falsamente negativi durante il cosiddetto “periodo finestra” (8-12 settimane circa dopo il contagio) è utile ripetere il test dopo 3 mesi.

COME POSSO DIFENDERMI DALL’AIDS?

  • Con rapporti sessuali responsabili”: basso numero di partner, conoscenza dello stato di salute del proprio partner;    
  • utilizzando sempre il profilattico in modo corretto durante qualsiasi tipo di rapporto sessuale (orale, anale, vaginale);
  • utilizzando il profilattico fin dall’inizio del rapporto sessuale e non indossandolo solo poco prima di terminare; 
  • effettuando il test periodicamente (ogni 6 mesi) se si hanno rapporti occasionali e non protetti con più persone;
  • accertandosi che alcune pratiche come agopuntura, tatuaggi e piercing vengano effettuati con strumenti sterili, e possibilmente usa e getta a utilizzo singolo.

Riassumendo: l’uso del preservativo, utile sempre, è indispensabile:     

  • con un nuovo partner;
  • all’inizio di una relazione;        
  • quando uno dei partner ha avuto recenti rapporti sessuali non protetti con un’altra persona;   
  • durante il periodo che precede un test che certifichi l’assenza di una MST in entrambi dopo una diagnosi di Malattia SessualmenteTrasmessa, per tutto il periodo indicato dal medico.

COSA POSSO FARE SE PENSO DI ESSERE STATO CONTAGIATO CON ALTA PROBABILITÀ?

In caso di esposizione al rischio di contagio con una persona sicuramente o probabilmente sieropositiva, è possibile sottoporsi subito alla profilassi post-esposizione, la così detta HIV-PEP, una terapia con farmaci anti-HIV che dura 4 settimane. E’ una terapia da seguire in una situazione eccezionale e di emergenza e la decisione di iniziarla  può essere presa solo da un medico competente presso uno dei centri di trattamento HIV o il reparto di pronto soccorso di un ospedale.