CHE COS'È L'ANSIA?

L’ansia e la paura sono stati emotivi radicati nella natura umana che implicano l’attivazione delle risorse individuali contro uno stimolo avverso, e hanno la finalità di aumentare la possibilità di affrontare con successo lo stimolo che lo ha indotto.
In particolare, l’ansia è uno stato di allerta verso un pericolo generico, mentre la paura è uno stato emotivo preparatorio alla risposta a un pericolo specifico.

CHE COSA SONO I DISTURBI D'ANSIA?

I disturbi d’ansia sono la patologia psichiatrica più diffusa. In Italia oltre 2,5 milioni di persone adulte ne sono affette ogni anno, e oltre 8,5 milioni di persone soffrono di un disturbo d’ansia nel corso della loro vita.

Ansia, paura e panico non sono né sinonimi, né intensità differenti del medesimo fenomeno: sono elementi del vissuto emotivo qualitativamente differenti fra loro.

Ansia e paura diventano condizioni patologiche se rappresentano una risposta di allerta esagerata o inopportuna rispetto allo stimolo, come per esempio nel caso delle fobie (per esempio fobia delle cavallette, dei serpenti, delle iniezioni) e della preoccupazione catastrofica, presente sempre e comunque nel caso della cosiddetta “ansia generalizzata” (per esempio paura per le novità, paura perché si possa verificare un evento sfavorevole seppur remoto, ecc.) , oppure in assenza di stimolo, come nel caso dell’attacco di panico.