COME AGISCE LA MEDICINA CINESE?

La medicina cinese considera l’uomo nella sua globalità, un’armonica relazione corpo-spirito, entità distinte ma inscindibili, dal cui corretto dialogo dipende una vita serena e sana.  

Secondo questa teoria, l’uomo è un’unità inscindibile che vive in equilibrio con se stesso e l’ambiente che lo circonda.

Il Qi, ovvero il contatto e l’unione tra spirito e corpo, è l’energia vitale che ci ha generato e che circola nel nostro organismo, percorrendo vere e proprie vie di distribuzione: i meridiani o canali energetici.
Queste vie formano una complessa rete di collegamento tra tessuti, organi, apparati, funzioni, superficie cutanea e ambiente esterno: un’alterazione dell’armonico e fisiologico fluire di questa energia vitale porta alla rottura tra l’equilibrio interno all’uomo e l’ambiente che lo circonda, creando una modificazione dello stato di salute psicofisico della persona, fino alla malattia.

COME FUNZIONA L’AGOPUNTURA?

L'agopuntura, metodica terapeutica dolce e poco invasiva, di semplice applicazione e pressoché priva di effetti collaterali, è in grado di ripristinare questo equilibrio senza l’utilizzo di farmaci, offrendosi come uno dei tanti metodi e strumenti terapeutici da applicare in alternativa o a integrazione e completamento della medicina occidentale, dove questa è meno efficace.

Tramite l'agopuntura, infiggendo sottili aghi in specifici punti distribuiti lungo i canali (stimolazione dei cosiddetti agopunti), si ripristinerebbe l'equilibrio energetico del corpo, e quindi lo stato di salute e benessere.

VANTAGGI ED EFFICACIA DELL’AGOPUNTURA

Il vantaggio principale risiede nel rafforzare la resistenza organica di base permettendo di trarre la forza dalle proprie risorse.

La sua efficacia (finalmente riconosciuta anche dal mondo scientifico occidentale), non si manifesta solo sul sintomo-dolore ma anche su un grande numero di condizioni patologiche, agendo sulla radice profonda del problema.

L’alternativa sarebbe costituita dai trattamenti tradizionali, e cioè dalla  terapia farmacologica di lunga durata con  farmaci non sempre privi di effetti collaterali secondari.  
L’applicazione corretta dell’agopuntura consente di mettere in pratica validi programmi terapeutici, efficaci strategie di prevenzione, e inoltre di ridurre notevolmente l’assunzione di farmaci.

QUANDO È UTILE L’AGOPUNTURA

L'efficacia dell'agopuntura si manifesta principalmente in disturbi minori di tipo fisico e psichico (stress, ansia, affaticabilità), con azione benefica e riequilibrante del tono dell’umore.
Tratta anche mal di testadolori cervicali, dorsali e lombari e le contratture, laddove specifiche terapie manuali e fisiche “occidentali” non abbiano sortito i risultati sperati.
Inoltre numerose ricerche hanno confermato l'efficacia dell'agopuntura nei sintomi psicologici, somatici e vasomotori del climaterio, cioè di quella fase della vita della donna, dopo i 45 anni d'età, durante la quale diminuisce la produzione di estrogeni e il ciclo mestruale gradualmente diventa meno frequente.
Infatti, il riequilibrio dell'organismo indotto dall'agopuntura é prezioso in menopausa, periodo particolarmente delicato per la donna, sia per gli aspetti organici che psicologici.
Si trattano sia le "vampate", il sintomo più frequente, sia il nervosismo, l'ansia, la depressione e l'insonnia, le vertigini e le palpitazioni, come anche  l'aggravamento dei disturbi osteoarticolari che si manifestano in questo periodo.