CHE COS’È LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE? 

L'anziano è un paziente complesso e questa caratteristia rende inadeguato un approccio medico incentrato sulla cura di malattie specifiche. Sono molti i fattori da considerare quando si deve valutare un paziente anziano: le malattie fisiche, la disabilità, il tono dell’umore e la situazione sociale e familiare.
Le dinamiche non lineari,di tutte queste interazioni, rendono necessaria una valutazione che catturi le caratteristiche della complessità individuale
La valutazione multidimensionale è un processo diagnostico a più livelli, che quantifica i problemi medici, psico-sociali e della capacità funzionale dell’anziano, con l’intento di giungere a un piano globale coordinato di terapia e follow-up a breve e lungo termine. In altre parole, la valutazione funzionale è un metodo per arrivare a una diagnosi che rilevi risorse e problemi del paziente, dal punto di vista medico, psicosociale, funzionale e ambientale.
La qualità della vita del paziente è l’obiettivo finale e fondamentale di questo approccio.

QUALI STRUMENTI OCCORRONO PER LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE?

La valutazione multidimensionale, si fa in ambulatorioin aggiunta alla visita dello stato fisico del paziente, somministrando a paziente e familiari una o più scale di valutazione, utilizzate a livello nazionale e internazionale, che il medico reputa indicate nel caso di quel paziente specifico.
Le scale che compongono la valutazione multidimensionale indagano: 

  • il livello cognitivo del paziente;
  • la capacità di gestirsi in modo autonomo, nella vita di tutti i giorni e la necessità di assistenza; 
  • il tono dell’umore (presenza di sintomi depressivi o ansia);
  • i disturbi del comportamento come l'irritabilità, l'aggressività, l'irrequietezza fisica, spesso correlati al decadimento cognitivo;
  • l'abilità nel camminare e nello stare in equilibrio;
  • la situazione sociale (dove abita il paziente, se convive, se ha una rete di supporto)

Dalla valutazione multidimensionale il geriatra ottiene il profilo delle caratteristiche del paziente
Dal bilancio globale delle debolezze e dei punti di forza rilevati in ciascuna area, deriva il progetto di cura e il programma di intervento personalizzato.  

QUANTO TEMPO DURA LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE?

Gli strumenti e le scale con cui viene effettuata la valutazione multidimensionale richiedono tempo per essere somministrati, soprattutto in caso di pazienti particolarmente complessi.
Nonostante ciò, è importante eseguire una valutazione multidimensionale adeguata per ogni paziente anziano, così da avere una sorta di “fotografia” della situazione della persona, utile per guidare le scelte terapeutiche e il processo decisionale e per seguire, in modo strutturato, i cambiamenti che si verificano con il passare del tempo.

BIBLIOGRAFIA:

  1. Nardi R, Scanelli G, Corrao S et al. Co-morbidity does not reflect complexity in internal medicine patients. European Journal of Internal Medicine 2007; 18: 359–368
  2. Rubenstein L. The clinical effectiveness of multidimensional geriatric assessment. J Am Geriatr Soc 1983; 31: 758-62
  3. Stuck AE, Siu AL, Wieland GD et al. Comprehensive geriatric assessment: a meta-analysis of controlled trials. Lancet 1993; 342: 1032-6