CHE COS'È IL PRESERVATIVO?

Nel lontano 1880, l’azienda di pneumatici Goodyear Tire & Rubber inventa il primo preservativo in lattice. È un dispositivo medico utilizzato come contraccettivo, che ha anche funzioni di protezione nei confronti delle tante malattie sessualmente trasmissibili ed eventualmente di raccolta dello sperma eiaculato durante il coito.
Solo il 45% dei giovani, tra i 15 e i 24 anni, dichiara di usarlo quando ha un rapporto con un partner nuovo.
Costa in media 0,90 centesimi.

IL PRESERVATIVO TOGLIE IL PIACERE?

Oggi esistono in commercio preservativi che aumentano il piacere grazie ad alcune nervature o rilievi, oppure ad anelli vibranti; rispetto al preservativo classico, considerato spesso una costrizione, sono diventati dei veri e propri stimolanti.
Aggiungono un tocco di humour alla coppia i preservativi profumati e colorati, oppure addirittura fluorescenti.
Esistono anche preservativi che danno un piacere prolungato, grazie a un gel lubrificante a base di benzocaina, un anestetico locale antiallergenico, che ritarda l’eiaculazione anche di mezzora.
 

COME SI USA IL PRESERVATIVO?

Innanzitutto bisogna controllare la data di scadenza e assicurarsi che ci sia il marchio NF o CE.
Bisogna strappare delicatamente, con le mani, un lato della confezione, in modo da non danneggiarlo nell’apertura.
Bisogna indossarlo solo quando il pene è in erezione. La parte da srotolare deve trovarsi all’esterno, poi si deve schiacciare la punta tra le dita, in modo da eliminare l’aria e infine si deve srotolare.
Dopo il rapporto, va rimosso solo quando è uscito completamente dal corpo del partner.

CI SONO CONTROINDICAZIONI O EFFETTI INDESIDERATI?

Il preservativo può rompersi e in questo caso il rapporto non è più protetto: va rimosso immediatamente e bisogna fare un test di gravidanza e uno di sieropositività.
Durante il rapporto bisogna controllare che il preservativo resti al suo posto.
Se si é allergici al lattice si sentirà prurito, è quindi consigliabile usare dei preservativi in lattice deproteinizzato, che riducono al minimo i rischi d’allergia.   

CHE COS'È IL PRESERVATIVO FEMMINILE?

Il preservativo femminile è efficace quanto quello maschile, sia come protezione dalle malattie, sia come metodo di contraccezione, eppure il suo uso non é altrettanto diffuso.
Ha il vantaggio di essere più resistente e quindi i rischi di rottura sono minimi. Si può mettere fino a otto ore prima del rapporto sessuale e quindi non è necessario interrompere i preliminari.
Inoltre il pene non viene compresso e non deve essere rimosso immediatamente dopo l'eiaculazione.
L'unico vero inconveniente è l'inserimento: le prime volte bisogna esercitarsi e provare più volte prima di imparare a infilarlo. Per questo è consigliato alle donne che hanno già avuto rapporti sessuali e che conoscono bene il proprio corpo.