CHE COSA SONO LE MALATTIE PSICOSOMATICHE?

Per malattie psicosomatiche si intendono quelle malattie che possono scaturire a causa di un condizionamento della nostra mente. I disturbi psicosomatici si possono considerare vere e proprie malattie che comportano danni a livello organico e che sono causate o aggravate da fattori emozionali.
Disturbi psicosomatici possono interessare vari organi e apparati: gastrointestinalecardiocircolatoriorespiratoriomuscolo–scheletricocute.

PELLE E MALATTIE PSICOSOMATICHE

La dermatologia è uno dei campi più interessati della somatizzazione. La pelle costituisce l’unico tessuto del corpo, visibile all’esterno e su di esso una situazione emotiva, anche latente, si può manifestare con un’eruzione cutanea di aspetto diverso. La cute è un organo con una forte espressività che reagisce rapidamente agli stress psichici e alle normali emozioni: il rossore, pallore, pelle d’oca, sudorazione.

Esiste uno stretto legame tra cute e psiche, la nostra condizione psichica è strettamente legata a quella fisica; avendo la pelle e il sistema nervoso il medesimo substrato biologico, dallo stesso foglietto embrionario, essi mantengono profondi rapporti e interconnessioni.

PELLE E PSICHE

La pelle è un sistema complesso con continue interconnessioni con vari sistemi: nervoso, endocrino, immunitario, metabolico.
Pertanto la salute della pelle è strettamente legata al corretto svolgimento di tutte queste funzioni.

Per questo motivo le malattie della pelle non vanno considerate come un qualcosa a se stante ma spesso come l’espressione di squilibri che hanno un’origine più ampia e profonda.
Per gli stretti rapporti esistenti tra sistema nervoso e pelle, questa si mostra un canale privilegiato di comunicazione e di espressione dello stato emotivo, infatti la pelle ha grandi potenzialità espressive di disagi interiori ed emozioni.
Pertanto proprio per le profonde correlazioni che la pelle stabilisce con i vari apparati, non bisogna affrontare le sue problematiche solo da un punto di vista dermatologico, ma è imprescindibile un’analisi profonda delle condizioni generali del paziente anche da un punto di vista psicoemotivo.
La dermatologia psicosomatica si occupa proprio del legame della psiche (la parte più nascosta dell’individuo) con quella più evidente: la pelle. I meccanismi attraverso i quali la psiche agisce sulla pelle non sono del tutto chiari ma è accertato il legame tra alcuni disturbi dermatologici e psicologici.
Alcune delle patologie cutanee più diffuse, quando già presenti e pur avendo origini organiche note, possono essere aggravate dalla componente psichica;  altre invece, possono essere causate da malattie psichiche (illusioni di malattie, induzione di manifestazioni obiettive- simulazioni-patomimie, fobie).

Infine alcune malattie cutanee, specialmente quelle che provocano lesioni visibili ed esteticamente rilevanti, possono causare secondariamente un disagio psicologico e difficoltà di relazioni, come ad es. l’acne.


COME SI GUARISCE?

Solitamente le malattie della pelle più resistenti alle cure mediche sono quelle che spesso si risolvono con il mutare della situazione emotiva del paziente. Talvolta il paziente si rende conto di questa associazione mente-corpo, tante altre volte no. 
Pertanto è fondamentale che il dermatologo approcci il paziente tenendo conto di tutti gli aspetti, fisici e psichici della persona. 
È fondamentale comprendere i meccanismi della somatizzazione e del rapporto mente-corpo in quanto l’approccio terapeutico deve mirare all’integrazione di tipo farmacologico e psicoterapeutico.
Quindi partendo dalla cura della sintomatologia più esterna, quella cutanea, si può arrivare anche con il supporto di colleghi psichiatri e psicoterapeuti, a curare le cause più profonde, quelle psichiche.