L’INCONTINENZA URINARIA

L'incontinenza urinaria un'emissione involontaria di urina anche in piccole quantità. Da studi condotti in Italia risulta che dopo i 40 anni circa il 40% delle donne ha episodi di incontinenza. Con l'aumentare dell'età questa percentuale cresce. A 60 anni il 55% delle donne ha un'incontinenza saltuaria, il 25% una incontinenza significativa e circa il 15% una incontinenza quotidiana.

Vi sono alcune condizioni che possono predisporre l’insorgere dell’incontinenza urinaria: per esempio, il parto, la menopausa, la stitichezza, l’obesità, la tosse cronica, i lavori pesanti.
 

IL PROLASSO GENITALE

É la discesa nella pelvi degli organi genitali interni. Anche questo problema è in relazione all’età, al numero dei parti, alla costituzione personale, al tipo di lavoro che si fa.

LA PREVENZIONE

Questi problemi possono essere prevenuti essenzialmente mantenendo una buona tonicità del pavimento pelvico. Attorno a uretra, vagina e ano c'é un forte apparato muscolare che a volte le donne non sanno di avere o non usano. La maggior parte di problemi di incontinenza urinaria e di prolasso genitale nella donna sono dovuti alla perdita di tonicità di questi muscoli. La prima cosa da fare in caso di sospetto di problematiche di questo tipo è quindi cercare di andare a fondo, effettuando eventualmente un test perineale per verificare la validità della forza muscolare perineale, la statica pelvica e l’eventuale necessità di una terapia riabilitativa individualizzata.
 

LA RIABILITAZIONE PERINEALE

Se ci sono dei problemi di incontinenza urinaria, prolasso genitale, difficoltà nella sessualità (dolore durante i rapporti), si può intraprendere un percorso di riabilitazione.
La riabilitazione consiste in una serie di esercizi guidati dall’ostetrica che hanno l’obiettivo di restituire la consapevolezza di questa parte del corpo, rafforzarla e integrarla nelle diverse attività quotidiane (come per esempio correre, sollevare pesi, saltare, stare in piedi a lungo ecc.). La terapia parte da un minimo di 5 sedute, alla fine delle quali vi è una valutazione del risultato per decidere se proseguire in una seconda fase.