Vaccino trivalente (morbillo, parotite e rosolia)

A CHE COSA SERVE IL VACCINO TRIVALENTE?

Il vaccino trivalente è un vaccino combinato che conferisce protezione per tre malattie potenzialmente mortali: morbillo, rosolia e parotite.

Il morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa causata da un virus. La malattia provoca febbre alta seguita da tosse, naso che cola, congiuntivite e comparsa di macchioline rossastre diffuse in tutto il corpo (esantema). Le complicanze più frequenti sono le infezioni dell’orecchio medio (otite), la polmonite e la laringite. La complicanza più temibile è l’encefalite, un’infezione del cervello che può determinare danni cerebrali permanenti e nei casi più gravi la morte. La malattia si trasmette da persona a persona tramite la saliva.

La parotite è una malattia infettiva contagiosa causata da un virus, che provoca infiammazione e rigonfiamento doloroso delle ghiandole che producono la saliva (in particolare le parotidi) con febbre modesta. Talvolta può non dare disturbi. Le complicanze possono essere: meningite asettica, pancreatite, sordità, infiammazione dei testicoli (orchite) nei maschi dopo la pubertà e raramente delle ovaie nelle femmine e conseguente possibile sterilità. La malattia si propaga da persona a persona tramite la saliva e oggetti contaminati con la saliva.

La rosolia è una malattia infettiva contagiosa causata da un virus. Nell’età infantile ha di solito un andamento benigno e un decorso veloce. Le complicanze possono essere: dolori articolari, trombocitopenia (riduzione delle piastrine nel sangue) ed encefalite (infezione del cervello). Si può inoltre avere artrite temporanea, particolarmente negli adolescenti e negli adulti. La malattia si trasmette da persona a persona con le goccioline di saliva oppure da madre a figlio durante la gravidanza. La rosolia, se contratta da una donna nei primi 3/4 mesi di gravidanza, è molto pericolosa per il nascituro: il virus, tramite il sangue, passa la barriera placentare e raggiunge il feto provocando malformazioni cardiache, sordità, cecità, lesioni a carico del sistema nervoso centrale e, nei casi più gravi, morte endouterina.

COME SI SOMMINISTRA IL VACCINO TRIVALENTE?

Per una protezione ottimale sono necessarie due dosi. La somministrazione del vaccino trivalente è per via sottocutanea nella parte superiore del braccio.

IL VACCINO TRIVALENTE È OBBLIGATORIO?

Il vaccino trivalente non è obbligatorio ma fortemente raccomandato dalle Autorità sanitarie nazionali e regionali che hanno predisposto un piano per l’eliminazione del morbillo e della rosolia congenita.

La vaccinazione per queste malattie, infatti, rappresenta l’unico strumento efficace di protezione sia nei confronti del singolo individuo sia nei confronti dell’intera comunità, in quanto ostacola la circolazione dei virus che sono causa di malattie infettive, proteggendo anche chi non può essere vaccinato.

CI SONO CONTROINDICAZIONI?

Le controindicazioni per la vaccinazione trivalente sono:

reazione allergica grave (anafilassi) ad una precedente dose di vaccino o ad un suo componente; 

• grave compromissione del sistema immunitario, come immunodepressione da farmaci, immunodeficienza congenita o acquisita, recente trapianto di organi; 

• somministrazione recente di prodotti derivati dal sangue

• storia di trombocitopenia o porpora trombocitopenia.

È opportuno rimandare la vaccinazione in presenza di malattie acute febbrili o disturbi generali giudicati importanti dal medico. La vaccinazione non deve essere somministrata in gravidanza e la stessa deve essere evitata nei 3 mesi successivi.

CI SONO EFFETTI COLLATERALI?

Gli effetti collaterali sono rari: entro 24-48 ore può comparire dolore, rossore e gonfiore nel punto dell’iniezione.

Da 5 a 12 giorni dopo la vaccinazione possono verificarsi esantema modesto, febbre, ingrossamento dei linfonodi, gonfiore e dolore delle articolazioni. Questi effetti generali possono durare per qualche giorno e in caso di febbre alta si possono avere convulsioni. In casi rari si può avere una riduzione delle piastrine nel sangue (trombocitopenia) che può causare temporanee piccole emorragie. Negli adulti gli effetti collaterali possono essere più evidenti e persistenti, in particolare per quanto riguarda i dolori articolari. Come per tutti i vaccini, non è possibile escludere l’eventualità di reazioni allergiche anche gravi come lo shock anafilattico.

QUANTO COSTA?

Il vaccino trivalente costa 35 euro.